Bookrunner del primo Green bond emesso da Public Investment Fund

Intesa Sanpaolo, attraverso la Divisione IMI Corporate & Investment Banking, è stata bookrunner nell’emissione da 3 miliardi di dollari del green bond inaugurale da parte di PIF - Public Investment Fund, il fondo sovrano del Regno dell’Arabia Saudita. PIF ha collocato con successo obbligazioni per 1,25 miliardi di dollari, 1,25 miliardi di dollari e 500 milioni di dollari rispettivamente con scadenza 5, 10 e 100 anni. L’emissione ha ricevuto richieste per oltre 24 miliardi di dollari, pari a circa 8 volte l’offerta.
La cedola della tranche a 5 anni è stata fissata al 5,000% (T+125 pb), quella a 10 anni al 5,250% (T+165 pb) e quella a 100 anni al 5,375% (6,70%/T+292,6 pb).

PIF ha ricevuto l‘incarico di realizzare il 70% del programma di sviluppo delle energie rinnovabili del Regno Saudita definito dal programma Vision 2030. In linea con il proprio green financing framework, pubblicato nel febbraio 2022, i proventi dell’emissione saranno destinati ad investimenti in energie rinnovabili, efficienza energetica, gestione sostenibile dell'acqua, prevenzione e controllo dell'inquinamento, edifici ecosostenibili e trasporti a bassa emissione, come previsto da ICMA Green Bond Principles 2021. Il framework ha ricevuto da DNV un SPO che ha confermato l’allineamento ai Green Bond Principles.